storia e giornalismo



Inviato a Philadelphia : locomotive Baldwin

Nell'articolo del 7 dicembre 1907 (302) la Bernardy mette, invece, a confronto due aspetti, contrastanti tra loro, propri della città di Philadelphia : la straordinaria fioritura primaverile di giacinti, di fiori, di tulipani e le locomotive Baldwin, grande risorsa del paese di Pennsylvania, insomma la poesia del fiore e quella del ferro in antitesi tra loro eppure così vicine.

Le locomotive Baldwin : l'anima della macchina

Le locomotive Baldwin rappresentavano, a inizio secolo, - scrive la giornalista - l'orgoglio degli operai che le fabbricavano, persone che conoscevano tutti i segreti dell'acciaio, tutte le misteriose potenze della fiamma, tutte le suggestioni demoniache degli ingranaggi; tuttavia "l'anima della macchina" (come ella la definisce) esercitava anche un potere terribile, qualcosa di mostruoso e di meraviglioso, di pericoloso e affascinante nello stesso tempo e l'immagine della fabbrica evocava un mondo frenetico di grida, rumori, sospiri, un tumulto di voci infinite. Nel ritmo impetuoso che vedeva di giorno in giorno gli operai sostituirsi agli operai, le macchine rimanevano sempre l? insostituibili e indispensabili e questo rappresentava il lato più tragico del progresso e dell'evoluzione tecnologica, tanto esaltati dal mito americano. Particolarmente interessante - sottolinea la Bernardy - era il fatto che la grande Officina Baldwin non era governata dai Trusts e dalle grandi corporazioni, cosa assai straordinaria per le imprese americane.

Le città dell'Adriatico

Lontana per un breve periodo dal continente americano, la Bernardy scrive per "Il Giornale d'Italia" una serie di articoli sulle città dell'Adriatico, ripercorrendone la storia, le usanze, le abitudini con occhio sempre attento e indagatore; tra questi ricordiamo quello del 27 maggio 1909 (303) in cui ella descrive un'intera giornata a bordo del piroscafo Hohenlohe che partito da Trieste, tocca le più importanti città adriatiche, tra cui particolare spazio viene riservato a quella di Pola e a quella di Zara.

Note:
302 - Articolo del 7 dicembre 1907 -Lettere Americane - La gloria del ferro e il sorriso dei fiori (prime 2 col.) firmato Amy a. Bernardy.
303 - Articolo del 27 maggio 1909 -Lettere Adriatiche - Pola - Zara (prime 2 col.) firmato Amy a.
Bernardy.